Servizi

Come lavoro

Nelle mie attività adotto un modello biopsicosociale, che promuove un concetto nuovo di salute mentale teso alla realizzazione di sé mediante un approccio globale e integrato, che rispetta l’individuo nelle sue dimensioni biologica, psicologica e culturale. Questo si traduce in una rinnovata concezione della psicopatologia che non andrebbe più considerata come una deviazione biologica o un aspetto della persona indipendente dall’ambiente sociale e culturale, ma come un adattamento al contesto psicosociale. Ciò porrebbe dunque il paziente in una posizione attiva che apre al cambiamento, non relegandolo più ad un ruolo passivo e di rassegnazione. Così non sarebbe più la persona, ma l’adattamento ad essere patologico. Tale modello ha dunque il merito di allontanarsi da una impostazione riduzionistica per sottolineare invece la complessità umana e della salute mentale, valorizzando l’importanza dell’interdisciplinarità, non guardando più solo alla patologia in senso stretto, ma anche alle problematiche familiari, sociali, economiche, culturali che ne influenzano la sintomatologia e il decorso.

Come psicoanalista relazionale, nella pratica clinica faccio mia la teoria relazionale. Questo nuovo approccio si discosta dalla psicoanalisi classica o freudiana e consiste essenzialmente nel soppiantare le tradizionali teorizzazioni che si basavano sul concetto di “pulsione” con un nuovo paradigma che fa invece perno su quello di “relazione”. Viene abbandonato il mito della mente isolata per affermare una concezione della mente relazionale. Ciò significa che la motivazione di certi comportamenti va ritrovata nell’esperienza relazionale precocemente interiorizzata e nella riproposizione di questi pattern anche in contesti differenti da quelli in cui sono stati appresi. Questo implica un nuovo modo di fare terapia, che ora si concentra maggiormente sull’interazione con il paziente. Capire come si organizza la relazione fra analista e paziente non solo aiuta a comprendere quelli che sono i principi che organizzano inconsciamente l’esperienza di quest’ultimo, ma anche ad avviare un preciso processo terapeutico.

Richiedi una consulenza

Se vuoi superare un momento difficile o hai bisogno di supporto per gestire stress, problemi, ansia e pressioni sociali; se vuoi lavorare su te stesso, imparando a gestire meglio conflitti interpersonali e accrescere autostima e abilità comunicative, prenota una consulenza.
Compila i campi qui sotto e inviami i tuoi dati: ti richiamerò presto per offrirti il mio aiuto e mettere a tua disposizione la mia professionalità.

    Dichiaro di aver preso visione e di accettare la Privacy Policy
    Menu